Le bellezze del Territorio

__________________

Villa Al Rifugio ha una posizione strategica per l’accesso a localita’ turistiche vicine e permette di soddisfare le esigenze d’ogni turista: balneare, enogastronomico, religioso, archeologico.
Il Bed&Breackfast e’ situato a Cava de’ Tirreni, in provincia di Salerno. La provincia di Salerno e’ un territorio immenso caratterizzato da paesaggi di una natura incontaminata e da un passato pieno di testimonianze e cultura, un territorio ricco di attrattive, tutto da scoprire e da assaporare.

Principali distanze:

  • Vietri sul mare (Costiera amalfitana) 4km
  • Pompei 21km
  • Napoli 50km
  • Aeroporto di Napoli Capodichino 50km
  • Paestum 59km

Templi di Paestum

______________

Paestum, nota anche come Pesto, è un’antica città della Magna Grecia chiamata dai fondatori Poseidonia in onore di Poseidone, ma devotissima ad Atena ed Era. Dopo la sua conquista da parte dei Lucani venne chiamata Paistom, per poi assumere, sotto i romani, il nome di Paestum. L’estensione del suo abitato è ancora oggi ben riconoscibile, racchiuso dalle sue mura greche, così come modificate in epoca lucana e poi romana.

È localizzata nella regione Campania, in provincia di Salerno, come frazione del comune di Capaccio Paestum, a circa 30 chilometri a sud di Salerno (97 chilometri a sud di Napoli). La località, nelle vicinanze della quale si annoverano Capaccio Scalo e Lido di Paestum, è servita da un’omonima stazione ferroviaria.

Orario d’apertura Museo Archeologico


Lunedì 8:30 – 19:30
Martedì 8:30 – 19:30
Mercoledì 8:30 – 19:30
Giovedì 8:30 – 19:30
Venerdì 8:30 – 19:30
Sabato 8:30 – 19:30
Domenica 8:30 – 19:30

NOTA: Il museo è chiuso per manutenzione il primo e il terzo lunedì di ogni mese.

Orario d’apertura scavi e area arecheologica


Lunedì 8:30 – 19:30
Martedì 8:30 – 19:30
Mercoledì 8:30 – 19:30
Giovedì 8:30 – 19:30
Venerdì 8:30 – 19:30
Sabato 8:30 – 19:30
Domenica 8:30 – 19:30

NOTA: Il sito archeologico resterà chiuso nei seguenti giorni festivi: 1° Gennaio, 1° Maggio e 25 Dicembre.

Scavi di Pompei

______________

Pompei fu fondata dagli Osci, con un villaggio in forma stanziale, intorno all’VIII secolo a.C., su un pianoro formato da una colata lavica, poco distante dal fiume Sarno, anche se diverse testimonianze attribuiscono i primi insediamenti umani già a partire dal IX secolo a.C.: durante il periodo osco, il borgo, importante nodo viario, con strade per Cuma, Nola e Stabiae, venne cinto da mura e raggiunse un’estensione pari a 63 ettari. Pompei risentì degli influssi prima dei Greci, grazie alla conquista di Cuma nel periodo compreso tra il 525 e 474 a.C., e poi degli Etruschi, sotto i quali fu costruito il tempio di Apollo; fu conquistata dai Sanniti, che scendendo dai monti dell’Irpinia la posero alle dipendenze di Nocera. Fu proprio sotto questi ultimi che Pompei divenne una ricca città commerciale, con un piccolo fiorente porto e cinta da mura possenti, costruite intorno al 300 a.C.

Scavi di Pompei – Orario di apertura:


9.00 – 17.00  dal 1 novembre al 31 marzo
09.00 – 19.30 dal 1 aprile al 31 ottobre
08.30 – 19.30 ogni sabato e domenica dal 1 aprile al 29 ottobre

Il sito sarà aperto gratuitamente tutte le prime domeniche del mese da ottobre a marzo e nelle seguenti date:
30 marzo – 25 aprile – 8 maggio – 8 giugno – 24 ottobre
24 dicembre – 26 dicembre – 31 dicembre

Chiuso
1 gennaio e 25 dicembre

Biglietti per Pompei


L’ingresso al sito archeologico di Pompei costa €11,00. Non è necessario acquistare i biglietti online in anticipo ed è possibile accedere da una delle 3 entrate del sito: Villa dei Misteri, Porta Marina e Anfiteatro. Per chi volesse visitare Pompei, Ercolano, Oplontis, Boscoreale e Stabia, è disponibile un pass valido 3 giorni al costo di 20 €.

Il Vesuvio

______________

Vesuvio e’ un vulcano situato in posizione dominante rispetto al Golfo di Napoli.

Il Vesuvio è un vulcano particolarmente interessante per la sua storia e per la frequenza delle sue eruzioni. Si tratta di un vulcano esplosivo, la cui ultima eruzione ebbe luogo nel 1944. Da questa data non si sono verificate più eruzioni, e il Vesuvio è considerato in stato di quiescenza.

Vesuvio – Orario di apertura:


Aprile, Maggio, Giugno e Settembre – dalle 9.00 alle 17.00
Luglio e Agosto – dalle 9.00 alle 18.00
Marzo e Ottobre – dalle 9.00 alle 16.00
Gennaio, Febbraio, Novembre e Dicembre – dalle 9.00 alle 15.00

La visita guidata verso il cratere dura almeno 90 minuti ma questo dipende anche da te e dalla tua andatura in salita.

Biglietti per il Vesuvio


Se raggiungi il Vesuvio con i tuoi mezzi per percorrere i vari sentieri del Parco Nazionale del Vesuvio non ti costa nulla.
Per visitare il cratere del Vesuvio devi comprare un biglietto alla biglietteria situata a quota 1000 metri al Piazzale Superiore dove potrai lasciare la tua auto e necessariamente proseguire a piedi.
Il prezzo del biglietto per i turisti è di € 10,00 , potrai raggiungere il cratere solo accompagnato da una guida alpina compresa nel biglietto d’ingresso.
Il prezzo del biglietto per gli studenti e per i residenti nei Comuni del Parco Nazionale del Vesuvio è di € 8,00.
La visita è gratuita per i bambini di altezza inferiore al 1 metro e 20 accompagnati dai genitori , per gli invalidi al 100% e al suo accompagnatore

Costiera amalfitana

______________

La Costiera amalfitana è il tratto di costa campana, situato a sud della penisola sorrentina, che si affaccia sul golfo di Salerno; è delimitato a ovest da Positano e ad est da Vietri sul Mare. È un tratto di costa famoso in tutto il mondo per la sua bellezza naturalistica, sede di importanti insediamenti turistici. Considerato Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, esso prende il nome dalla città di Amalfi, nucleo centrale della Costiera non solo geograficamente, ma anche storicamente.

Costiera Amalfitana – Come Arrivare


La vostra vacanza dei sogni in Costiera Amalfitana è prenotata, non vi resta che capire come arrivare in Costa d’Amalfi raggiungendo il territorio dai principali punti di accesso. I principali punti di collegamento sono: Roma, Napoli, Salerno e Sorrento.

I mezzi pubblici che arrivano in Costiera sono gli autobus della SITA (per approfondire: orari delle linee Amalfi – Maiori – Salerno e Amalfi – Positano – Sorrento) .

Positano è il primo paese della Costiera che si incontra venendo dal nord. Dopo, continuando a sfidare le curve si arriva a Praiano poi Amalfi, Minori, Maiori, Cetara ed infine Vietri sul Mare.

La soluzione più comoda e meno stressante per arrivare in costiera è quella di prenotare la navetta gratuita, massa a disposizione di Villa Al Rifugio.

Costiera Amalfitana – Come Arrivare


Da Napoli alla Costiera Amalfitana

Se atterrate all’aeroporto di Napoli Capodichino, per raggiungere la Costiera Amalfitana si avranno due opzioni:

    • Raggiungere Sorrento: all’esterno del Terminal 1 dell’aeroporto di Napoli Capodichino, prendere il bus della compagnia Curreri per Sorrento. Il costo del biglietto è di circa 10€ da pagare direttamente all’autista.
    • Raggiungere la stazione centrale di Napoli: all’esterno del Terminal 1 dell’aeroporto, prendere l’autobus per il centro di Napoli denominato “Alibus”, il quale vi porterà fino alla stazione centrale di Napoli (Piazza Garibaldi) in circa 30 minuti. Il biglietto costa circa 3€ e può essere acquistato direttamente a bordo, con un prezzo maggiorato di 1€.

Una volta arrivati alla stazione avete altre due opzioni:

    1. Se si vuole raggiungere Sorrento, prendere la Circumvesuviana, il treno locale che si trova al piano inferiore della stazione. Da lì, bisogna poi prendere il treno che in circa un’ora vi porterà a Sorrento.Una volta raggiunta la stazione ferroviaria di Sorrento, dovete prendere uno degli autobus SITA che collegano la penisola Sorrentina alla Costiera Amalfitana.
    2. Se si vuole, invece, raggiungere Amalfi, Maiori, Minori, Ravello o Salerno, dalla stazione centrale di Napoli prendete un treno regionale per Salerno (40 minuti), e da Salerno poi proseguite con un traghetto (la stazione marittima è di fronte alla stazione di Salerno) o con un autobus SITA.

Cava de’ Tirreni

______________

Il borgo di Cava de’ Tirreni è un’antica cittadina d’origine Etrusca, i Tirreni appunto, che nacque sotto il nome di Terre di Cava, trasformandosi poi nell’attuale nome di Cava de’ Tirreni alla fine del 1300.

Negli anni, grazie alla vicinanza ed alla sua posizione posizione strategica tra Napoli, Salerno e la Costa d’Amalfi, è ed è stata meta turistica sin dall’epoca romana, quando era un rinomato luogo di villeggiatura scelto dalla nobiltà dell’Antica Roma, di cui ne abbiamo tutt’ora testimonianze archeologiche e artistiche.

Uno dei principali luoghi di interesse e attrazione turistica è la “Badia di Cava de’ Tirreni”, l’Abbazia Benedettina della SS. Trinità fondata nel 1011 dall’Abate San Pietro , considerate il primo insediamento moderno della città di Cava.

Ma la principale caratteristica di Cava de’ Tirreni è senza dubbio il Borgo Scacciaventi e i suoi portici e palazzi storici porticati, pregevole esempio di centro commerciale all’aperto che si sviluppò tra il XIV e XV secolo.

Capri

______________

Capri, l’isola nel Golfo di Napoli, è famosa per il territorio scosceso, gli hotel esclusivi e lo shopping, che spazia dall’alta moda, al limoncello, fino ai sandali di cuoio artigianali. Uno dei siti naturali più conosciuti è la Grotta Azzurra, una cavità buia in cui l’acqua del mare si tinge di blu elettrico grazie alla presenza di una grotta sotterranea che filtra la luce del sole. Durante l’estate la spettacolare costa dell’isola, ricca di insenature.

Duomo di amalfi

______________

La cattedrale di Sant’Andrea è il principale luogo di culto cattolico di Amalfi, sede vescovile dell’Arcidiocesi di Amalfi-Cava de’ Tirreni. Dedicato a sant’Andrea apostolo, si trova in piazza Duomo, nel centro della città.

Presepi di San Gregorio Armeno

______________

Il presepe napoletano è una rappresentazione della nascita di Gesù ambientata tradizionalmente nella Napoli del Settecento.

L’arte presepiale napoletana si è mantenuta tutt’oggi inalterata per secoli, divenendo parte delle tradizioni natalizie più consolidate e seguite della città. Famosa a Napoli, infatti, è la nota via dei presepi (via San Gregorio Armeno) che offre una vetrina di tutto l’artigianato locale riguardante il presepe.